I fatti più importanti in Ungheria nel 2017

Ormai giunti al termine dell’anno, abbiamo deciso di riassumere questo 2017 ungherese con gli eventi secondo noi più significativi. Qua di seguito, ne abbiamo individuati venticinque:

20 gennaio: inizia tragicamente l’anno con un drammatico incidente per una scolaresca di Budapest in Italia, vicino Verona. Il bilancio parla di 16 morti e numerosi feriti.

22 gennaio: alla cena del World Economic Forum il miliardario György Soros critica pesantemente l’Ungheria di Orbán definendo il governo del premier ungherese una “minaccia” per la società civile.

24 gennaio: il governo ungherese stanzi i fondi necessari per ricostruire la Chiesa di Tolentino (Macerata) distrutta dal sisma dell’anno prima.

cq5dam.web.738.462

La Chiesa di Tolentino

17 febbraio: il neonato movimento politico “Momentum” presenta 266.00 contro le Olimpiadi 2024 a Budapest. Pochi giorni dopo il governo è costretto a ritirare la candidatura della capitale magiara.

26 febbraio: il cortometraggio Sing (Mindenki), diretto da Kristóf Deák e prodotto da Anna Udvardy, vince l’Oscar nella categoria “Miglior cortometraggio”.

2 marzo: i paesi del V4, tra cui l’Ungheria, nel summit di Varsavia lanciano un documento per chiedere maggiore sovranità nazionale all’interno della UE.

D_MTI20170302006-1280x640

I primi ministri dei paesi del V4

9 marzo: nasce il blog di informazione in lingua italiana Ungheria News.

13 marzo: János Ader viene rieletto Presidente della Repubblica ungherese per un secondo mandato.

14 marzo: viene votata la legge che vieta l’utilizzo della stella rossa. La legge inizia una querelle tra il governo e la Heineken che qualche mese prima aveva denunciato un birrificio della minoranza ungherese di Transilvania.

bojkott

Manifesto per il boicottaggio della Heineken

4 aprile: viene approvata la cosiddetta “Legge CEU”, con conseguenti manifestazioni di protesta per le strade di Budapest.

10 aprile: János Ader, Presidente della Repubblica, firma la “Legge CEU”, che entra dunque in vigore. Nel frattempo, in piazza si radunano a protestare più di 80.000 manifestanti.

26 aprile: l’Unione Europea fa partire una procedura di infrazione nei confronti dell’Ungheria per la violazione della libertà accademica.

C8lcqITXcAACP-e

Uno dei tanti scatti durante le proteste contro la “Legge CEU”

27 maggio: la Honvéd, guidata dal tecnico Marco Rossi, vince il campionato ungherese battendo in casa 1 a 0 i rivali del Videoton.

2 giugno: continua la querelle tra Orbán e Soros. Il magnante americano accusa il premier ungherese di aver costruito uno stato “mafioso”. Nel frattempo il governo ungherese inizia una consultazione nazionale “stop bruxelles” in cui il principale accusato è proprio Soros.

14 luglio: a Budapest inizia la XVII edizione dei mondiali di nuoto, evento sportivo più importante di sempre ospitato dalla capitale ungherese. L’Ungheria vincerà 9 medaglie.

bp-2017-1

Locandina dei mondiali di nuoto di Budapest 2017

25-29 luglio: per il 500esimo anniversario della Riforma protestante, a Debrecen, conosciuta anche come “Roma calvinista”, si svolge il Campus Protestante.

30 luglio: doppietta Ferrari al Gran Premio d’Ungheria: primo Vettel, secondo Raikkonen.

9 agosto: a Budapest inizia, come da tradizione, il Sziget Festival, uno dei più grandi festival di musica al mondo.

w1wktkqTURBXy8xNTQyYTlmZmQ1YzIzOWRhN2ZkY2YzMDY4YTJjMDg4Mi5qcGVnkpUDAADNAxTNAbuTBc0DFM0BvA

Il Sziget Fesztival

28 agosto: seconda visita annuale di Putin all’amico Orbán. Nel frattempo, nella capitale ungherese, si svolgono manifestazioni pro ed anti Putin.

7 settembre: la Corte Europea di Giustizia respinge il ricorso presentato dalla Slovacchia e Ungheria circa il ricollocamento dei migranti nei due paesi.

5 ottobre: all’età di ottanta anni muore Giorgio Pressburger intellettuale di fama mondiale nato a Budapest e vissuto in Italia.

Pressburger-Giorgio

Giorgio Pressburger

5 ottobre: il candidato premier del centro-sinistra alle elezioni del 2018 si ritira accusando l’opposizione di non fare niente per vincere le elezioni.

23 ottobre: durante le manifestazioni in ricordo della Rivoluzione del 1956 il premier ungherese si scaglia contro l’UE parlando di “homo bruxellicus“.

11 novembre: in Corvin Setány, a Budapest, viene inaugurata la statua in memoria di Bud Spencer.

9 dicembre: a Berlino, in occasione della 30° edizione degli European Film Awards, l’ungherese Alexandra Borbély vince il premio come migliore attrice europea del 2017.

 

Auguri per un felice anno nuovo a tutti i lettori di Ungheria News!

 

 

© Riproduzione riservata

Foto: Daily news Hungary, Ungheria News, sky.it, blikk.hu

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...