Cultura

“Magyar”, poesia di Fabio Strinati

Riceviamo e pubblichiamo volentieri una poesia di Fabio Strinati.

 

MAGYAR

Dove un tempo dalle steppe

dell’Asia partirono gli Ungari, scorrerie finniche

accasarsi alle falde degli Urali i monti

dalla cintura la sua tomba di pietra;

priva di sbocchi sul mare, sommessi i rilievi

lo spago del Danubio, dal Kékes bluastro

cielo si riflette il Balaton, cerchio

di mare dalla dolce acqua fertile

la Pannonica pianura.

 

Da Onogur dieci frecce o tribù

o le patrie dinastie di una Siberia

assorta oggi ancora bella e dormiente.

Da guarnigioni abuso natio e crudele…

battaglie del Trianon quel trattato

lo sfacelo antico del Regno d’Ungheria,

dissoluzione del passato: la mano del Papa

francese incoronando con le preziose pietre

luce d’un perdono di fertile dialettica,

re Stefano e la sua corona d’oro, un tempo forse,

nel nostro Vaticano.

 

Semi-nomade tribù che alla guerra assomigli

agli Unni e guerreggiare multietniche

le armi in un palmo di mano, ancora attive,

che da Jugra col Peciora scorre

sguardo fanale di ghiaccio negli occhi

vasta zona di lineamenti caldi,

voci agglutinanti così i morfemi

i due mitici fratelli: Hunor e Magor,

leggenda gli antenati balli e di canzoni,

le immense Gesta Hungarorum!

 

 

Fabio Strinati: Poeta, scrittore, aforista, pianista e compositore. Nasce a San Severino Marche e vive ad Esanatoglia, un paese della provincia di Macerata. Strinati è presente in diverse riviste ed antologie letterarie. Da ricordare Il Segnale, rivista letteraria fondata a Milano dal poeta Lelio Scanavini. La rivista Sìlarus fondata da Italo Rocco. La rivista culturale Odissea, diretta da Angelo Gaccione. Carmilla on line, webzine fondata da Valerio Evangelisti. È stato inserito da Margherita Laura Volante nel volume “Ti sogno, Terra”, viaggio alla scoperta di Arte Bellezza Scienza e Civiltà, inserito nei Quaderni Del Consiglio Regionale delle Marche. Sue poesie sono state tradotte in romeno e in spagnolo. È inoltre il direttore della collana poesia per Il Foglio Letterario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...