Attualità

“Fa diventare gay”: l’Opera di Budapest annulla Billy Elliot

Nel corso della giornata di ieri, per mezzo di un comunicato stampa ufficiale, il direttore dell’Opera nazionale ungherese Szilveszter Ókovács, ha annunciato la cancellazione di 15 rappresentazioni teatrali del musical “Billy Elliot”. La causa di questa posizione è da ritrovare nel violento attacco giornalistico avvenuto all’inizio del mese sulle colonne del Magyar Idők, quotidiano vicino al Primo Ministro Viktor Orbán  che, ha spiegato il direttore, avrebbe portato ad un drastico calo degli spettatori.

Tutto ha avuto inizio il 1 giugno, quando sul Magyar Idők appare il violento editoriale a firma Zsofia Horvath, che ha aperto il proprio articolo con una domanda retorica: “Come può una così importante istituzione nazionale come l’Opera andare contro gli obiettivi dello stato, ed usare uno spettacolo pensato per bambini intorno ai 10 anni, quindi nella loro età più fragile, per una così sfrenata ed aperta propaganda omosessuale?”. Ma non finisce qua. Infatti, nel corso dell’editoriale, l’autrice ha aggiunto: “Promuovere l’omosessualità non può essere un obiettivo nazionale, specie in un momento in cui la popolazione sta invecchiando e decrescendo, e con la nostra nazione minacciata dall’invasione straniera”.

Daily star.jpg

Il teatro dell’Opera di Budapest con la pubblicità del Musical “Billy Elliot”

Un misto di omofobia, xenofobia e luoghi comuni, tutti nello stesso articolo. La Horvath ha poi sostenuto come il governo ungherese stia facendo di tutto per promuovere le famiglie ungheresi ed i valori fondamentali che queste portano nella società, e quanto il musical Billy Elliot corra contro questi valori, incoraggiando i giovani a prendere una strada diversa. E quale sarebbe questa strada diversa, dimostrata dal motto del musical, “Osa ad essere te stesso”? L’omosessualità, ovviamente.

Il giorno successivo all’attacco della signora Horvath, il direttore dell’Opera aveva provato a difendere la produzione del musical, sostenendo che: “Portare sul palco dell’Opera un fatto innegabile nella vita di alcuni, non significa che la stiamo promuoverlo”. Tuttavia, a poco è servita la difesa di Ókovács, dato che sono molti coloro i quali paiono aver creduto all’arringa omofoba della giornalista del Magyar Idők.

Hollywood Reporter.jpg

Jamie Bell nei panni di Billy Elliot nell’omonima pellicola

Basato sull’omonima pellicola del 2000, il musical “Billy Elliot” è ambientato nell’Inghilterra mineraria della metà degli anni ’80, dilaniata dagli scioperi e dalla diffusa povertà. In questo contesto, Billy decide di iscriversi ad una scuola di danza, di nascosto dal padre, che lo vorrebbe pugile. Nessuno sostiene l’iniziativa di Billy, allora poco più che undicenne, ad eccezione del suo amico Michael, omosessuale ed innamorato del protagonista, che non lo ricambia, sostenendone però le battaglie interiori.

In poche parole, il musical “Billy Elliot” rappresenta un vero e proprio manifesto contro gli stereotipi, l’omofobia ed il paternalismo, che a causa del suo successo anche in Ungheria, non poteva non suscitare le irritazioni dei trinariciuti al servizio del Governo Orbán. Una storia triste, che non fa altro checonfermare la cattiva strada intrapresa da questo paese. Speriamo non sia troppo tardi.

 

© Riproduzione riservata

Foto: Hungarian Free Press,  Daily star, Hollywood Reporter

1 risposta »

  1. Ho visto il musical,un anno fa,e sinceramente non mi e piaciuto.E non per quello che cita l,articolo. Artisticamente non e all,altezza del famoso film,che invece e stato molto bello.Quando abbiamo visto noi ( un ann o fa ) il teatro non era pieno,e dai commenti degli spettatori,non mi pareva un grande successo.Non credo proprio che il disinteresse e dovuto ad un articolo,di un giornale che pochi leggono. Gli amanti del teatro non si sciraggiano da un articolo insignificante,anzi ,vanno a vedere a posta !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...