Cultura

La migliore attrice europea è ungherese

É ungherese la migliore attrice europea del 2017: Alexandra Borbély ha ricevuto il premio durante la 30ª edizione degli European Film Awards svoltasi il 9 dicembre  a Berlino.

Candidata insieme a Juliette Binoche, Paula Beer, Isabelle Huppert e Florence Pugh, Borbély ha portato a casa il premio grazie alla sua performance nel film Corpo e Anima (Testről és lélekről) diretto da Ildikó Enyedi. Il film, già vincitore dell’Orso d’oro alla 67ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino, sarà anche la pellicola che presenterà l’Ungheria ai premi Oscar del 2018.

 

201712288_1-h_2017

Corpo e Anima é ambientato in un mattatoio, dove i due protagonisti Endre (Géza Morcsányi) e Mária (Alexandra Borbély) sono uniti da qualcosa di più di un semplice rapporto lavorativo. Endre é il direttore finanziario, mentre Mária lavora come responsabile del controllo di qualità. Mária soffre di autismo e rifugge qualunque contatto fisico. Anche Endre é una persona solitaria, che può contare su un solo amico. Come ogni storia d’amore che rispetti, i due protagonisti si innamorano ma nulla di tutto ciò avviene nella vita reale. É qui che la parola ‘anima’ del titolo entra in gioco. Sia Endre che Mária, infatti, hanno un sogno ricorrente, lo stesso, ogni notte: si incontrano in un bosco innevato, sotto forma di cervi. La psicologa aziendale inizia a unire i fili di questa storia, nella quale due persone schive e solitarie hanno la possibilità di vivere una vita diversa, più libera, e di amarsi, solo nel momento in cui si incontrano sotto forma di animali.

on-body-and-soul-a-testrol-es-lelekrol.20171205032336

Alexandra Borbély, attrice slovacca-ungherese, ha sempre recitato in teatro, e il premio per Corpo e Anima é giunto come qualcosa di inaspettato. Sul palco, fra le lacrime, ha iniziato a ringraziare tutti coloro che l’avevano supportata in questo percorso, ma l’eccessiva commozione le ha impedito di terminare il discorso. L’Ungheria, dunque, ancora una volta, conquista la scena cinematografica straniera, dopo il Figlio di Saul, (vincitore del premio Oscar come miglior film straniero nel 2016) e Sing (ancora premio Oscar nel 2017, come miglior cortometraggio). 

Il film, uscito nelle sale ungheresi il 2 Marzo, é ancora disponibile presso i cinema Művész, Taban ArtMozi e Kino Café, in lingua originale con sottotitoli in inglese.

 

Foto: holliwoodreport, cinenews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...