Sziget, la Woodstock sul Danubio

Da Budapest  A poco meno di 3 mesi dall’apertura del 25° Sziget Festival, ripercorriamo la storia della celebre rassegna ungherese e scopriamo insieme il programma definitivo dell’edizione 2017.

Sono diversi i punti in comune che il Sziget Festival condivide con il leggendario festival americano che nell’estate del ’69 cambiò per sempre la scena musicale mondiale e il concetto stesso di festival. Innanzitutto il successo planetario di queste due manifestazioni e le loro dimensioni (quello ungherese è il più grande festival musicale all’aperto del Vecchio Continente), ma soprattutto le origini di queste due kermesse, nate quasi come una scommessa fra amici in una particolare atmosfera culturale e congiuntura storica.
sziget-festival-budapest.jpg
Sziget, una storia lunga venticinque anni

A prima vista, paragonare gli Usa della fine degli anni ’60 in cui si svolse Woodstock con l’Ungheria del 1993, data di nascita del Sziget, potrebbe sembrare troppo azzardato, ma solo apparentemente: con le dovute differenze di contesti, in entrambi i Paesi si viveva un clima di grande libertà e speranza verso il futuro, un sentimento libertario che aveva conquistato in particolare il cuore delle giovani generazioni dell’epoca. Il crollo del muro di Berlino (a cui il piccolo Paese centroeuropeo aveva dato un contributo decisivo con l’apertura della sua frontiera con l’Austria ai Tedesco-orientali) e poi dell’Urss e dei regimi satelliti nell’Europa centrorientale, avevano realizzato decennali sogni di libertà che fino a qualche anno prima sarebbero apparsi utpostici oltrecortina: gli eventi dimostravano che nella storia, come nella vita dei singoli, nulla era impossibile.
Persfoto-Sziget-Festival-5In questo clima di euforia e di vera e propria ebbrezza collettiva, nell’estate del 1993 due amici, la rockstar locale Péter Müller e il programmatore musicale Károly Gerendai, decisero di organizzare su un ex-terreno militare abbandonato dell’isola di Óbuda un evento culturale e musicale che raccogliesse i migliori artisti del Paese e che prese il nome di Diáksziget (“Isola degli Studenti“). Fu un grande ed inaspettato successo, che andò oltre le più rosee aspettative.

Se la prima edizione del neonato festival aveva ospitato soltanto artisti locali, già dall’anno successivo la rassegna musicale magiara acquistava un grande respiro internazionale: gli organizzatori, che nel frattempo e significativamente aggiunsero la denominazione Eurowoodstock al nome originario dell’evento, riuscirono a portare quell’estate sull’isola di Óbuda vere e proprie leggende della musica, come Jethro Tull e Ten Years After.
SzigetFestival2016_V2.jpgDa allora la crescita di pubblico del festival diventerà costante di anno in anno, fino a raggiungere nel 2016 la cifra record di quasi mezzo milione di partecipanti, di cui circa la metà stranieri.

Il festival cambierà il nome ancora due volte (dal 1996 al 2001 Pepsi Festival dal nome del suo principale sponsor, mentre a partire dal 2002 la kermesse adotterà l’attuale nome di Sziget Festival), ma il successo sarà sempre lo stesso, grazie anche alle grandi star della musica mondiale che si avvicenderanno sui suoi palchi: Iggy Pop, Sonic Youth e The Prodigy (1996), David Bowie, Faith No More e Foo Fighters (1997), Lou Reed e Oasis (2000), Placebo (2001), Jovanotti (2002), Robert Plant (2006), Manu Chao (2007), Iron Maiden, Jamiroquai e REM (2008), Muse (2010), Skunk Anansie, Prince ed Interpol (2011), Blur (2013) e tanti altri ancora.
Iggy_Pop_stand_-_Sziget_Fest_2006.jpgIn questi 25 anni, anche a causa del successo ottenuto e della sua longevità, il Sziget sì è inevitabilmente “commercializzato”, ma riuscendo comunque ad affermarsi come uno dei più grandi eventi musicali del Vecchio Continente, senza tradire il suo originario spirito libertario che ancora oggi funge da slogan dell’evento di Óbuda: L’Isola della Libertà.
csutortok49.jpg
Il programma dell’edizione 2017

Anche quest’anno il Sziget Festival rispetta la sua fama con numerose star internazionali del rock, del pop, dell’hip hop e della musica elettronica. E così, dopo le prime anticipazioni che vi avevamo annunciato qualche settimana fa, adesso possiamo presentarvi la line up definitiva con i principali artisti di cartello dell’edizione di quest’anno:

  • Mercoledì 9 agosto: Pink e Billy Talent
  • Giovedì 10 agosto: Wiz Khalifa
  • Venerdì 11 agosto: Kasabian
  • Sabato 12 agosto: Macklemore & Ryan Lewis
  • Domenica 13 agosto: The Chainsmokers
  • Lunedì 14 agosto: Major Lazer
  • Martedì 15 agosto: Dimitri Vegas & Like Mike

Per conoscere il programma dettagliato dell’edizione 2017, vi rinviamo al sito ufficiale del Sziget.
csudai2.jpgInformazioni utili

Nome: Sziget Festival.

Location: Óbudai-sziget, Budapest.

Periodo: 9 -16 agosto 2017.

Prezzi: biglietto giornaliero 65 €, pass per 5 giorni 275 € e campeggio per 7 giorni 299 € se acquistati entro il 31 maggio. Sziget Italia offre inoltre speciali pacchetti, comprensivi del viaggio dall’Italia a Budapest e ritorno.

Sito webwww.szigetfestival.it.
Crowd and Atmosphere at Sziget Festival

Foto: Metalocus, be.Beap, Festicket,elekes Wikimedia, artiestennieuws, rs.szigetfestival, Daily News Hungary.

© Riproduzione riservata

3 pensieri su “Sziget, la Woodstock sul Danubio

  1. Pingback: I migliori festival estivi in Ungheria | Ungheria News

  2. Pingback: Non solo Sziget: il Fezen Festival di Székesfehérvár | Ungheria News

  3. Pingback: Agosto a Budapest, tantissimi eventi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...